Your browser does not support SVG

Solo
il meglio

La Bella Vita offre prodotti di propria produzione rispettando i requisiti di qualità e sostenibilità.

Dalla nostra terra alla vostra tavola: mirtilli in vaso di diverse varietà, mele della Valtellina e succo di mela naturale al 100%.

Mele e mirtilli della Valtellina

#labellavita

Mirtilli in vaso

Belli, buoni e blu. I mirtilli sono senza dubbio uno degli alimenti più benefici per la salute. Ricchi di vitamina C e di composti vegetali antiossidanti come le antocianine, contribuiscono a rallentare i processi di invecchiamento, sono utili in funzione antitumorale, favoriscono la circolazione sanguigna, proteggono gli occhi e combattono il diabete.

I mirtilli sono potenti antiossidanti naturali (ovvero riescono a contrastare i radicali liberi). Questo perché possiedono una serie di vitamine dotate di questa capacità (come ad esempio la vitamina C). Il mirtillo ha ottime proprietà antinfiammatorie, soprattutto se ad essere infiammato è l’intestino.

I mirtilli sono adatti alla crescita in contenitore perché hanno radici poco profonde, che si adattano facilmente alle dimensioni di un contenitore.
Un altro motivo per cui è possibile coltivarli in questo modo è che i mirtilli richiedono un terreno specifico a pH basso, acido (con valore ideale tra 4,5 e 4,8).

Il mantenimento del pH del terreno a valori bassi, in caso di coltivazione in terra, può risultare difficoltoso. In contenitore, invece, potete acquistare un terriccio con pH adatto e tale rimarrà per 6-10 anni prima di dover aggiungere un correttivo.

Esposizione: sole pieno.
Pacciamatura: utilizzate una pacciamatura acida, come un compost di foglie di quercia, aghi di pino o corteccia di pino, per mantenere l’umidità del suolo e ridurre il calore.
Acqua: mantenete il terreno costantemente umido. Controllate il pH dell’acqua; l’utilizzo di acqua calcarea modifica il pH del suolo.
PH del suolo: controllate costantemente il pH del suolo con un pH-metro. Se il suo valore si sposta sopra il 5, aggiungete solfato di ferro.
Concimazione: utilizzate fertilizzanti per piante acidofile (come Baycote Acidofile) e somministrateli 4-6 settimane dopo aver messo a dimora la pianta.
Fioritura: il primo anno, rimuovete tutti i fiori della pianta per favorire lo sviluppo dell’apparato radicale.
Potatura: le piante ormai sviluppate necessitano di una potatura a inizio primavera ogni anno.
Raccolta: proteggete le bacche mature dagli uccelli con una rete apposita. Aspettate che le bacche si colorino di blu e diventino più dolci, prima di raccoglierle; una volta raccolte, le bacche non maturano né si addolciscono più.


#labellavita

Mele della Valtellina

Ricca di nutrienti come le fibre, la vitamina C, molecole antiossidanti, a basso indice glicemico e povera di calorie (circa 52 Kcal/100gr), il consumo di mele conferma il detto che “una mela al giorno toglie il medico di torno”.

La coltivazione delle mele in Valtellina risale a tempi remoti, ma è dagli anni ’50 che ha assunto le dimensioni che oggi conosciamo, arricchendo di colori e profumi il fondovalle da Sondrio fino alla zona intorno a Tirano.

In Valtellina sono coltivate prevalentemente mele “Golden Delicious” e “Stark Delicious”, varietà di pregio che vantano ottime caratteristiche organolettiche e di conservazione, ancor più esaltate dall’ambiente montano. Altre varietà coltivate in Valtellina sono la mela Gala, la mela Morgenduft e la mela Fuji.

Le mele di Valtellina rispetto a produzioni di pianura si distinguono infatti per l’assenza di rugginosità, per la maggior colorazione, per il sapore più armonico e gradevole e per il profumo più intenso e delicato.

La coltivazione delle mele in Valtellina arricchisce di colori e profumi il fondovalle da Sondrio fino alla zona intorno a Tirano. Le tre grandi cooperative che raggruppano oltre 1000 produttori, si sono riunite dando vita ad un unico Consorzio che commercializza le mele valtellinesi con il marchio “Melavì” una produzione di circa 30 milioni di Kg all’anno venduta in mezza Europa e apprezzata da oltre un milione di consumatori.


#labellavita

Succo di mela della Valtellina

Il succo di mela è un vero toccasana per il nostro organismo. Questa bevanda naturale infatti contiene numerose sostanze nutritive, tra cui vitamine e sali minerali, che contribuiscono a contrastare l’insorgere di patologie come diabete e disturbi causati da elevati livelli di colesterolo.

Con le nostre mele della Valtellina, produciamo succo senza alcuna aggiunta di altri ingredienti. La comoda confezione in cartone da 3 litri permette, una volta aperta, la conservazione del prodotto per 30 giorni. Il prodotto non ancora consumato ha scadenza di un anno dalla data di produzione.